"ULTIME NEWS" 
30 Luglio 2004  - da Stampare e distribuire -

 
E' ORA DI AVVIARE UN VERO PROGETTO POLITICO
 
Socialisti d'Italia a Raccolta
 
La 1° Settimana di Ottobre
ASSEMBLEA CONGRESSO
 
Si svolgerà la prima settimana di Ottobre la grande Assemblea Congresso dell'Associazione Socialismo è Libertà.Gia dalle prime settimane di Settembre sarà disponibile un "Manifesto di intenti" che diverrà l'elemento su cui si elaboreranno i lavori dell'iniziativa.
 

            

 
 News .......  :      INTERVISTA A DANIELE DELBENE
 
INTERVISTA A DANIELE DELBENE
Presidente Nazionale Costituente Pse- Membro Coord.Nazionale SèL
 
 
Socialisti,è ora di tornare sulla scena politica ...

 

Le elezioni Europee sono passate e il tentativo di rimettere insieme i socialisti non è riuscito.

In effetti da molti anni stiamo lavorando per un superamento della diaspora socialista, non perchè crediamo nella visione nostalgica del ritorno al passato e nemmeno perchè  pensiamo che la ricomposizione socialista possa essere un punto di arrivo. Al contrario, un punto di approdo comune per l'area socialista tradizionale sarebbe un punto di partenza.

Un punto di partenza per cosa?

Un punto di partenza per un progetto molto più ambizioso. L'obiettivo non può essere la creazione di un piccolo partito,ma la possibilità di interagire con ciò che ci circonda per un modello di società in cui crediamo.Per fare questo un chiarimento delle divisioni dei socialisti non può che essere un seme in grado, crescendo, di contaminare il terreno circostante.

Quindi per creare una forza politica più grande ?

E' evidente, ma per fare questo non bastano gli appelli o gli slogan, servono confronti. Non può esistere un partito socialista se non da un confronto con l'area tradizionalmente socialista. Al contrario sarebbe un semplice nome senza contenuti.

Torniamo al tema dell'unità socialista .

In effetti le Elezioni Europee, visto anche il sistema elettorale proporzionale, potevano essere l'occasione per una accelerazione del processo poc'anzi citato, ma non la sua fine.

Quali sono state le difficoltà ?

Non ci sono state difficoltà, ma una tacita volontà di entrambi i partiti socialisti, SDI e Npsi, a non unirsi.

In che senso?

Probabilmente chi dirige i due partiti pensa che il fine della propria azione politica sia il loro partitino e quindi la propria persona e non invece quello di lavorare per un modello di società,  su contenuti e programmi politici.

Lo SDI probabilmente, come daltronde avviene da molto tempo, ha pensato forse più facile eleggere dei rappresentanti senza contarsi e con minore fatica e i sui dirigenti che in un contesto più grande, formato da tre parti, si divenisse al contempo uomini politici grandi. Il Npsi forse ha visto la possibilità, vista la mancanza del simbolo dello Sdi, di raccogliere quel che rimane di socialista. Quindi la situazione andava bene per entrambi.

Oggi però lo Sdi ha eletto sì due rappresentanti al Parlamento Europeo, ma quello che voleva far passare come un grande progetto politico sta fallendo, anzi è già in fase terminale, con la stessa facilità con cui lo si è costruito. Purtroppo lo Sdi, pur di giustificare quell'operazione politica, ha in parte messo in discussione la necessità di un ruolo socialista in Italia, in Europa e nel Mondo. I dirigenti parlavano di Internazionale Democratica, Partito "Riformista" per meglio dire Democratico o ancor meglio, come affermato dallo stesso Boselli ,"di Prodi" . Chi si azzardava a parlare di socialismo era visto e accusato di nostalgia e di visione arretrata. Una storia già vista. Ogni volta che si avvicinavano le elezioni, arrivava  per mano del buon braccio destro di Boselli, la mitizzazione di un un'operazione politica, ogni volta in contraddizione con quella precedente, ma talmente tanto coinvolgente ne era l'elaborazione che quei poveri compagni ormai esausti finivano per convincersi della sensazionale prospettiva. Basti ricordare il Girasole, doveva essere la terza gamba dell'Ulivo, il nucleo riformista, talmente tanto riformista che nella lista ultima denominata " Riformista ", i verdi dell'allora Girasole non ne hanno fatto parte perchè non riformisti.Per non pensare poi a Segni , Dini, ecc...

Per quanto riguarda il Npsi ?

Il Npsi ha avuto, come dicevo, l'astuzia tattica di presentarsi alle Europee con un simbolo chiaramente socialista e apparentemente autonomo e in parte unitario, questo gli ha consentito di eleggere due rappresentanti al parlamento Europeo. Ma anche in questo caso tutto si riduce ad una semplice operazione elettorale, infatti del preannunciato punto di partenza, slogan della campagna elettorale, tutto si riduce ad una rinnovata solidarietà silenziosa al governo di Centro-Destra. Dov'è il ruolo politico auspicato ? E' finito con la conclusione degli scrutinii. L'unica cosa positiva di tutto questo è che, al contrario di quanto da molti smentito,  uno zoccolo duro socialista su cui edificare ancora esiste. Infatti se Npsi  + Signorile, senza chiarimenti politici, con una posizione di De Michelis  a sostegno del governo di Centro-Destra e con buona parte dei socialisti ancora fuori, è stato raggiunto un 2 .-°, probabilmente con i giusti chiarimenti e una vera unità si potrebbe auspicare ad un 4-5 .-° .

Ma non diceva prima che un piccolo partito ( 4 .-° ) non serve a nulla ?

Ho detto che non serve se pensa a se stesso, invece una forza politica del 4 .-° potrebbe svolgere un grane ruolo politico di contaminazione e maturazione politica nell'ambito della Sinistra Italiana.

Ma quindi questi partiti non hanno prodotto nulla ?

Non ho detto questo, questi due movimenti hanno avuto un grande ruolo in questi anni mantenendo vive delle piccole fiamme senza delle quali oggi non potremmo neppure parlare più dei socialisti. Questo però è servito fino a ieri, da oggi c'è bisogno di abbandonare la logica della sopravivenza e guardare avanti.

A questo punto ?

Bisogna partire da un dato, che a mio avviso è anche causa e giustificazione ,guardando ai socialisti , delle loro  divisioni. Il problema della politica in Italia è che la politica non esiste più.

Cosa vuole dire, quando dice che il dato da prendere in considerazione è che la politica non esiste ?

Purtroppo dopo tangentopoli, con la venuta meno dei grandi partiti di riferimento, la tendenza è stata quella del cambiamento di un modello sistema basato su un falso bipolarismo personale di cui è stato causa, ma non l'unico elemento, il sistema elettorale maggioritario ed in particolare la ricerca dell'aggregazione, non più sulla condivisione dei programmi e degli scopi politici, ma sulla individuazione della persona " giusta" ed elettoralmente più pagabile in termini di voti.

Il sistema maggioritario, con il quale si volevano eliminare i troppi partitini, ha creato al contrario decine e decine di liste personali. Arriva una persona di visibilità, si associa all'uno o all'altro schieramento garantendo qualche punto in più in percentuale, si garantisce un collegio sicuro, viene eletto e dà vita alla sua lista. I partiti, al contrario di prima, oggi nascono dall'alto e non dalla condivisione e dalla ricerca di una rappresentanza dei cittadini. La mancanza dei partiti e la creazione di sempre più numerose liste personali ha conseguentemente portato ad un'accentuazione del ruolo del singolo.Basti guardare alle numerose coalizioni che si presentano nei comuni , nelle province, nelle regioni ecc... C'è un bravo medico nel paese, non importa se ha o non ha formazione politica , entrambi gli schieramenti spesso e volentieri fanno a gara per candidarlo quale loro rappresentante. Peccato però che una volta eletto, indipendentemente dallo schieramento, il bravo medico, assume un linea politica che non è quella dell'area culturale di riferimento, che non è la sintesi di programmi di confronto politico, ma semplicemente quella personale. Sembra di assistere al calcio mercato dove il giocatore più bravo, basta che indossi una maglietta di un colore anzichè di un altro, fa vincere una squadra invece dell'avversaria. Peccato però che il modello di gioco non appartiene alla cultura di nessuna delle due squadre , ma a quella del giocatore che cambia colore.

Tutto questo in che modo va ad incidere sulla società e quindi sui cittadini ?

E' evidente che se si corre solamente per vincere, il gioco si riduce semplicemente ad una gara per raggiungere i posti di comando e non invece ad una elaborazione differente sul modo di governare. Se, il Sindaco, il Presidente della Provincia , della Regione o il capo del Governo non sono sintesi di una elaborazione politica, culturale e programmatica differente, ma persone che potrebbero andare bene come leader di entrambe le squadre, non vi può essere differenza sull'azione politica di un governo o di un altro, se non in qualche aspetto limitato

Lo abbiamo visto in questi ultimi anni, i due schieramenti, per le motivazioni sopra citate, non so stati che l'esatta copia di riflesso dell'uno sull'altro. Da una parte si diceva più nero e dall'altra parte si rispondeva con il nero travestito da rosso. Tutto si è basato su uno scontro di colori e non sui contenuti.

In che modo questo influisce sui cittadini ?

E' molto chiaro, un'azione politica ,costruendo un modello di società, deve essere in grado di farlo cercando di rappresentarne gli interessi delle realtà sociali che la compongono. Gli unici strumenti in grado di rappresentare le diverse realtà sociali e quindi i diversi interessi e di trovarne sintesi sono i Partiti. Venendo meno questi, i cittadini non sono più rappresentati, e con loro le le proprie esigenze. Guardando la cosa da sinistra... Coloro che hanno messo in discussione per primi l'art. 18, creando milioni di lavoratori senza nemmeno più i diritti fondamentali del lavoratore, ferie, malattia ecc.( vedi Pacchetti Treu ) , nel momento in cui gli avversari hanno pensato di abolire l'art.18, sembravano annunciare una sciagura. Dopo aver avviato il vero primo "smantellamento" della scuola pubblica ( vedi Riforma Berlinguer ) nel momento in cui gli avversari proponevano la loro riforma ( vedi Riforma Moratti ), un anno di anticipazione sulla scelta della scuola media superiore sembrava l'ennesima sciagura.......
Come possono i cittadini riconoscersi e trovare risposte in questa guerra di semplici colori sbiaditi. Conseguenza:  si  disafezzionano dalla politica, non vanno più a votare o iniziano a dare voti di protesta. Siamo arrivati al punto in cui addirittura gli elettori, invece di fare come in un democrazia dell'alternanza, basata realmente su un bibolarismo, non cambiano neppure più lo schieramento per cui votare, ma votano terzi che non appartengono visibilmente a nessuna delle due coalizioni che si contrappongono. Ne è segnale evidente l'esito delle recenti consultazioni Europee. Forza Italia perde consensi, ma questi consensi non vengono percepiti dalla forza tendenzialmente di contrapposizione " bipolare" ovvero la Lista Prodi, ma non hanno votato o hanno votato partiti terzi che in quella circostanza si sono realmente o per lo meno apparentemente dissociati dalla logica semplificativa, personalistica e rappresentante di questo anomalo bipolarismo.Vanno male rispetto alle previsioni Forza Italia e Lista Prodi e in linea di massima tutte le liste con riferimento personale  ( vedi lista Segni, Di Pietro Occhetto, Mussolini, Sgarbi, ecc.. ), al contrario riprendono visibilità le liste tendenzialmente o apparentemente visivamente partitiche.

Quindi ?

Quindi è necessario cambiare questo modello sistema.

Come si può cambiare il modello ?

 Intanto il sistema è già entrato in crisi, ovviamente c'è il tentativo di coprire e di spostarne il definitivo crollo. A questo punto è necessaria un'alleanza, non elettorale o culturale, ma di condivisione di un modello alternativo con tutte quelle forze che la pensano allo stesso modo, questo ne accelererebbe la fine.

In tutto questo i socialisti cosa possono fare?

Prima di tutto bisognerebbe chiedere ai due Partiti socialisti se vogliono schieransi a favore di un grande progetto, che può avere prospettiva solamente con il cambiamento del modello attuale, o se invece entrambi non si siano associati all'attuale situazione e preferiscano difenderne la valenza in cambio di qualche seggio.

Quale sarebbe questo modello alternativo?

Semplice, un modello che torni ad avere al centro la politica  e di conseguenza i partiti, non invece le singole persone. Il ritorno dei partiti stravolgerebbe la logica bipolare attuale e si creerebbe inevitabilmente un bipolarismo con confini diversi rispetto l'attuale.

Tornando ai socialisti, pensa che prenderanno questa posizione?

E' evidente che per cambiare l'attuale modello di riferimento, bisogna non accettarne le regole, finora entrambi le hanno accettate e mai messe in discussione. Nello stesso tempo significherebbe per entrambi  passare per numerose rinunce... Sicuramente dalla linea che perseguiranno si evidenzieranno le motivazioni che ne motivano la loro azione politica.

Come si può incidere sulla loro scelta ?

Sicuramente non servono più le lettere e gli inviti, abbiamo già provato e non è servito a nulla. L'unica possibilità è fare un forte richiamo ai socialisti militanti affichè siano loro stessi a mettere in discussione la linea dei loro partiti di riferimento. In particolare i giovani possono svolgere un significativo ruolo in questa fase se vorranno essere politici e non semplici addetti alla segreteria o semplici fattorini. I giovani non hanno posti da difendere, non hanno rinunciato ai loro colori, ma anzi di questi ne fanno linfa primaria, sicuramente saranno in grado di farsi carico, di scatenare una ribellione di tutti i socialisti al fine di condizionarne l'esito degli attuali dirigenti.  

Ma quale è quindi il giudizio che da di Sdi e Npsi rispetto il loro ruolo in questi anni ?

Sicuramente è grazie soprattutto a loro se oggi siamo ancora in grado di avere un terreno su cui costruire, ma nello stesso tempo oggi siamo in grado di giudicare , a seconda della strada che intendono percorrere, se gli sforzi fatti negli anni passati saranno stati utili e costruttivi o semplicemente fine a se stessi. Sicuramente gli sforzi fatti dalla maggioranza dei militanti sono stati spesi per costruire una prospettiva, quelli dei dirigenti lo valuteremo. Di certo sarà proprio questa " piccola base" a darne un giudizio nei prossimi mesi.

Quale è il primo passo che intendete intraprendere?

La prima settimana di Ottobre si terrà una  grande Assemblea - congresso dell'Associazione Socialismo è Libertà, in quell'occasione daremo il primo segnale da cui si aprirà un vero percorso politico.

Ci saranno anche SDI e Npsi ?

Lo spero, l'invito è scontato, sicuramente ci saranno i socialisti.

Se non dovessero esserci ?

Sicuramente decideranno i socialisti in quell'occasione, ma l'indicazione non potrà che essere quella di andare avanti.

Quindi si aprirebbe una ribellione dei socialisti al Sistema e ai due Partiti Socialisti ?

Si. Non posso che concludere con un invito a tutti i socialisti d'Italia e in particolar modo ai giovani a farsi protagonisti di questa fase.

Per concludere, cosa mi dice della  Costituente Nazionale Pse ?

La Costituente Pse è divenuta una grande realtà a prevalenza giovanile, continuano ad essere centinaia le adesioni di nuovi giovani tutti con una motivazione di fondo, forse ambiziosa, essere protagonisti della politica e non semplici uomini passivi  in attesa di qualche piccolo regalo.


 
 News .......  :  INIZIATIVE DALLE PROVINCE GROSSETO
  
Costituente Pse e Socialismo è Libertà al Lavoro
 
FECONDAZIONE
PUNTI DI RACCOLTA FIRME NELLE PIAZZE D'ITALIA
 
 

 

Si alla Fecondazione per chi ha problemi ad avere figli
Si alla Fecondazione per ricerche mediche e prevenzione di malattie
No alla Fecondazione, contro natura, per avere figli perfetti e precostruiti
No alla fecondazione, per manipolazioni della vita umana e ricerche scellerate
 


Greco


Picone


Specchiale

 
Dopo gli innegabili insuccessi in campo economico e in politica estera, il governo di centro-destra  ha dato un ulteriore prova di conservatorismo e oscurantismo con l'approvazione della recente legge in materia di Procreazione medicalmente assistita(lg.40-04).Tale legge introduce stringenti divieti per alcune forme d'infertilità per cui non pochi giuristi hanno già sollevato questioni di legittimità costituzionale.
In particolare viene proibita la fecondazione eterologa (in vitro IVF) ovvero la fecondazione con elementi esterni alla coppia; conseguenza diretta di questo divieto è che tutte le donne che hanno, hanno avuto o avranno la sventura di una prematura menopausa e tutti gli uomini azospermici saranno costretti ad andare all'estero per ricevere un'ovodonazione o altro tipo
di soluzione in provetta.
La nuova legge interviene anche all'interno della coppia vietando la produzione  di più di tre embrioni e quindi riducendo le possibilità di avere figli nella fecondazione omologa. Inoltre tale legge compromette la ricerca sulle cellule staminali embrionali
la quale rappresenta una speranza di cura per tantissime malattie gravi diffuse nella popolazione (diabete,ictus e infarti per dirne alcune). Quello della fecondazione assistita è sicuramente un problema di bioetica molto delicato sul quale bisogna  muoversi con estrema cautela. Per trovare una adeguata disciplina a questa materia si dovrebbe ricorrere più alle coscienze dei singoli che non a sterili leggi ma oggigiorno la scienza si è spinta oltre l'etica, rendendo possibile ciò che qualche decennio fa era addirittura impensabile. Basti ricordare che oggi è tecnicamente possibile la clonazione dell'essere umano per capire che occorrono dei limiti, ma le nuove possibilità che la scienza ci mette a disposizione vanno disciplinate non vietate aprioristicamente.
La proposta di referendum abrogativo di questa legge regressista deve essere sostenuta da tutti coloro i quali credono nella libertà non solo economica  ma sociale. Noi della Costituente PSE pur non ritenendo l'espediente referendario il migliore strumento possibile per disciplinare una materia tanto delicata, siamo convinti che questa legge sulla fecondazione assistita non lasci alternative. Si tratta di una norma discriminatoria, nata vecchia e che produrrà più problemi di quelli che risolverà. Naturalmente condividiamo il divieto di ogni diagnosi preimpianto con finalità eugenetica (per il miglioramento della razza), ma riteniamo sbagliato proibire le indagini sull'embrione a scopo diagnostico e terapeutico o costringere la coppia ad accettare comunque
l?impianto in utero anche quando sono state individuate gravi anomalie nello sviluppo dell'embrione fecondato. Questa normativa infatti non punta alla felicità della coppia né risolve questioni di natura etica producendo come unica e diretta conseguenza l'aumento del turismo fecondativo verso stati europei più sensibili al problema. Per tanto vi sollecitiamo ad accogliere l'invito lanciato dal direttore Polito dalle colonne del  Riformista:

<<In casi come questi, quando i rappresentanti del popolo si arrogano il
potere di ingerenza nei diritti soggettivi (e qui si lede il diritto alla
cura della sterilità e alla ricerca scientifica) il popolo ha il potere
di farsi valere. Firmate e fate firmare. Non potreste fare nulla di più
riformista>>.


A cura del gruppo della Costituente Nazionale Pse delegato in Materia :
          Fabio Picone, Dario Specchiale e Tomaso Greco
 
 
 Brevi News .......  :  INIZIATIVE PROVINCIALI  LA SPEZIA
 
  
FESTA PROVINCIALE
Costituente Pse e SèL

 

 

 LA SPEZIA. Si svolgerà il 14 e 15 Agosto, a Falcinello ( Sarzana- Sp ) la Festa Provinciale di Socialismo è Libertà e della Costituente Pse. Nelle due giornate, oltre ai banchi gastronomici e alle serate con musica latino-americana, si svolgeranno dei dibattiti sulle prospettive per i socialisti e sui grandi temi sociali della provincia.
 
 INTERVENTI.......  SOCIALISTI
 
 

 

  Smettiamola con i Personalismi !
Riflessioni su di un animo socialista
 

Il 1° Luglio ’04 a Roma, nell’ambito del Convegno del Direttivo Nazionale dell’Associazione “Socialismo è Libertà”, è stato posto un quesito: che fare?

Domanda alla quale si possono dare risposte differenti: in realtà, alla luce degli ultimi risultati elettorali e dalla crisi generale della politica di oggi, dove ormai l’identità dei partiti storici di questo Paese sembra dimenticata, l’unica risposta possibile, a mio parere, è: AZIONE e CORAGGIO.

Io c’ero a Roma il 1° Luglio, c’ero perché per un Socialista, e soprattutto per un giovane Socialista, era importante, oltre che istruttivo, parteciparvi avvertendo l’esigenza di offrire il mio contributo alla costruzione di qualcosa di concreto per uscire dal “limbo” creatosi intorno alla politica italiana.

“Non vogliamo sapere dove sono stati i Socialisti,vogliamo sapere dove vogliono andare e soprattutto se credono che c’e’ ancora una questione Socialista”On. Rino Formica.

 

L’obiettivo che ci siamo prefissi è molto ambizioso, ma noi giovani, forti del consenso e della saggezza di chi ci ha preceduto, ci crediamo!La via dell’unità.

 

E’ assolutamente necessario mettere da parte l’antica diaspora socialista, smetterla con i personalismi e con gli inutili conflitti, trovare un punto di unione per far rinascere un’autentica forza socialista e riformista in Italia.

 

Siamo pronti!…Scalpitanti da mesi, solo in attesa del fischio d’inizio. La partita è cominciata, compagne e compagni, e la nostra Campagna elettorale deve essere permanente, bussando vigorosamente ad ogni porta per risvegliare gli animi socialisti in letargo da troppo tempo ormai e far ritornare quelli naufragati in piccole (e grandi) isole. Necessita elaborare una cultura politica che sappia analizzare i bisogni di oggi nel mondo della globalizzazione, e che sia in grado di riprendere i valori tradizionali e sintonizzarli con la realtà attuale.

 

Bisogna attuare un progetto comune che sappia, senza rinunciare alla propria identità , utilizzare nuove forme organizzative, dissuadendo chiunque irresponsabilmente si sia rifugiato in piccole oasi di sopravvivenza.

 

Abbiamo dalla nostra la forza della tradizione e dovremo coltivare quella saggezza che viene dal passato con le ferite ormai cicatrizzate, dovremo metterci passione,voglia,grinta e soprattutto coraggio,per affrontare questa missione “impossibile” senza paura perché il raggiungimento o meno del nostro obiettivo dipende da quanto saremo uniti dall’ideologia comune.

 

O SOCIALISMO, O BARBARIE” Riccardo Lombardi

 
Silvia Taverna - Costituente Nazionale PSE - Coordinamento Nazionale Donne

 
 

 Inrevento 2

 

 

A Caresana abbiamo preso il 21 per cento.
 
 

Grazie all’aiuto di molti compagni, alle ultime elezioni amministrative nel comune di Caresana (Vc), si è riusciti a presentare una lista, a ottenere un buon risultato e soprattutto a eleggere 4 consilieri ( tra cui Piero Dottino ), tra i quali io vengo nominato come capogruppo.

Cari compagni, vi posso affermare che l’impegno per portare avanti il nostro grande progetto su questo territorio, sarà globale, le basi sono state gettate; con l’impegno e la determinazione molti risultati come questo arriveranno presto. A tutti i compagni dico: “Non mollate, comunque andranno le cose, i giovani andranno avanti, la nostra unione e la nostra amicizia ci daranno sempre la forza per andare avanti, e con noi il nostro presidente D. Delbene.

 Giovanni Tressoldi - Resp. Piemonte Costituente Nazionale Pse

 

 Le Donne della Costituente Pse si organizzano....
 
 


Costituente Nazionale Pse
Donne


Silvia Scansetti

 

 
 Inviaci le tue lettere per la pubblicazione a :
domanisocialista@libero.it
 

 Lettera 1

 

UNITA’ SOCIALISTA: SAREBBE ORA !

Dopo aver seguito in questi anni le vicende socialiste con le sue divisioni, come socialista ho apprezzato e ne condivido l’idea e lo sforzo che alcuni compagni, come On.le Rino Fornica e l’On.le Claudio Signorile, ma anche altri come i giovani della Costituente PSE nella persona di Daniele Delbene che è riuscito ad organizzare in tutta Italia una rete di giovani che condividono l’idea politica socialista. La sensibilità politica e la coerenza che ha portato questi compagni a voler discutere con i compagni del Nuovo PSI e dello SDI per una riunificazione.

Vorrei sottolineare questa forte presenza di giovani socialisti che sono il futuro politico per il Partito ed il Partito.

Finalmente, dopo anni che considererei bui per i socialisti, si sta aprendo una nuova stagione: mentre all’inizio il dialogo con gli altri compagni era addirittura impossibile, abbiamo un primo “disgelo” da parte di alcuni compagni che ora sono disponibili al dialogo, anche se l’ approccio può essere discutibile perché direi un po’ “violento

Penso che si debba decidere definitivamente: ho ritornare insieme per ricostruire il Partito Socialista o, visto che ognuno è libero di cambiare idea nella vita, la finiscano di chiamarsi socialisti perché le idee ed i programmi che sostengono non fanno parte dell’idea socialista.

Ricordiamoci, comunque, che la storia non si può cancellare, non si può distruggere la storia dell’Italia e che comunque chi ha idee socialiste si ritroverà prima o poi insieme.

Ricordiamoci che il dialogo all’interno del Partito Socialista c’è sempre stato, le componenti lo dimostravano, serve una decisione, che potrà essere, per alcuni coraggiosa e magari rischiosa, esserci o non esserci.

Bobo Craxi ha dato la sua disponibilità, anche le interviste e dichiarazioni di De Michelis vanno verso un discorso di unità, un po’ meno convinto mi sembra Boselli che propone che siano gli altri ad andare da lui.

Non bisogna andare da nessuna parte va solo costruito il POLO LAICO SOCIALISTA RIFORMISTA E AUTONOMISTA con l’apporto di tutti, che abbia idee, progetti e programmi per presentarsi all'elettorato.

Il dividersi tra sinistra e destra ha solo distrutto le nostre idee e la nostra diversità . La diversità è ricchezza.

Lorenza Birindelli - Pavia

Religione: un problema  che può dividere o unire  popoli

Oggi si parla molto di religioni e in particolare di quella islamica e si sottolinea il tema dell’integrazione tra culture diverse. Ci sono iniziative che vanno da chi vorrebbe organizzare delle classi scolastiche composte solo da islamici, chi invece propone di inserire la religione islamica all’interno dell’organizzazione scolastica proponendo di prendere in considerazioni le festività che fanno riferimento ad altra religione per una questione di rispetto. A questo punto mi rendo conto che qualsiasi cosa si faccia non si fa altro che dividere, dividere i giovani a cui va invece insegnato il rispetto per le idee altrui e la tolleranza, non l’odio e la divisione.

Potrebbe apparire una strada a fondo chiuso, io penso di no, le religioni devono per prima essere rispettose delle altre e insegnare la tolleranza, un modo per dimostrarlo sarebbe quello di togliere qualsiasi simbolo di qualsiasi religione in tutti i luoghi pubblici, la religione è un fatto personale, c’è chi crede e chi no e comunque è una scelta personale che coinvolge l’individuo stesso.

La scuola potrebbe, per esempio, inserire “La storia delle religioni” in cui vengono spiegati i contenuti delle stesse, questa è libertà di scelta.

E’ vero si parla del rapporto tra Stato e Chiesa: lo Stato deve essere laico visto che risponde ai bisogni terreni dei cittadini, la Chiesa si occupi delle anime e di fare del bene a chi ha bisogno e non si occupi di politica.

Lorenza Birindelli - Pavia

 

 Lettera 2

NPSI,E' ora di centro-sinistra?

 
Cari,compagni la fase del centrodestra ritengo sia e finitivamente chiusa.Il prossimo congresso dovrà delineare un percorso chiaro per riportare il partito nella collocazione naturale di appartenenza. Sarà una scelta difficile ma se non avviene al più presto,  difficilmente si riescono ad individuare altri omenti. Sicuramente saremo tentati in fase di verifica  ad accettare qualche  sottosegretariato o qualche nomina, sarà la mela tentatrice, che come conseguenza porterà ad ulteriori divisioni nel partito quando si tratterà di tornere a dialogare con le componenti riformiste di sinistra. Chi ha incarichi e buoni stipendi difficilmente riesce
ad essre libero politicamente, difficilmente riesce ad elaborare strategie politiche che possano alterare pozizioni di potere già aquisite. Il ragionamento puo sembrare semplicistico, ma sicuramente e molto realistico. Da socialista che ci tiene ad avere un partito  autonomo e nel centro-sinistra mi piacerebbe sentire il parere dei compagni che partendo da tali presupposti e galvanizzati da un buon risultato  elettorale non hanno più voglia di ricominciare il valzer della diaspora. A Gianni e Bobo chiedo di essere chiari di avere la forza di rinunciare a tutti gli incarichi che verranno proposti,di togliere la fiducia a questo governo, di cominciare ad individuare un percorso che ci riallinei sulle posizioni dei socialisti europei,di dare certezze ai compagni che in questi anni hanno
collaborato con il centro-destra, che non saranno abbandonati ma che saranno il pilastro del partito e che il partito li tutelerà sempre anche in un eventuale cambio di alleanze.
 
Secondo Tamagnini - Segr. NPSI Rimini
 

 Lettera 3

 

La rinascita di un grande soggetto socialista riformista è assente
nel nostro Paese da troppo tempo !

Caro Direttore,

come ho già espresso in altri miei interventi pubblicati da alcuni quotidiani  l’Associazione Socialismo è Libertà, di cui la sottoscritta è Socio Fondatore,   si è costituita con un unico obiettivo: “…riunire tutti i socialisti, con un progetto politico ambizioso ma non impossibile : la rinascita di un grande soggetto socialista riformista assente nel nostro Paese da troppo tempo.

              Un soggetto socialista rivolto esclusivamente ai piccoli e gravi problemi degli Italiani e del mondo intero e come ho affermato in un mio precedente messaggio che L’Opinione ha pubblicato con il titolo “Il ruggito degli Italiani nauseati” di quel socialismo “….scritto nelle più belle pagine della storia d’Italia e d’Europa.

            Come cittadina e socialista della società civile sono stata molto critica sulla scelta, soprattutto da parte di Signorile che aveva iniziato un percorso poi interrotto con l’Associazione e quindi con il Presidente Rino Formica, di <<alcuni socialisti uniti>> che hanno avuto l’infelice idea di presentarsi alle Europee come abbiamo visto. Uniti sicuramente con l’intenzione di conquistare una seggiola a Strasburgo ma in quanto a progetto politico non si è intravista nemmeno una piccola bozza poiché un socio ancorato a destra e l’altro che affannosamente, lo ribadisco, inviava fax alle televisioni, dopo le prime tabelle con i risultati delle Europee che trasmetteva la Rai dove il simbolo degli “…alcuni…socialisti uniti” faceva bella mostra tra le liste della CDL, affermando di essere  di sinistra, così facendo hanno ridicolarizzato il socialismo dimostrando di avere un unità ibrida ed anche idee e posizioni, lo ribadisco, pasticciate.

           Si potrebbe dire”…. Come volevasi dimostrare!”. Un tempo il socialismo era la sinistra, quella vera, quella che donando anche  la propria vita ha contribuito a rendere migliore questo Paese ecco perché alcune scelte, alcune posizioni sono difficili da capire(…si fa per dire….), da accettare. Non posso, quindi, fare a meno di dire, sia a De Michelis sia a Signorile sia a coloro che hanno frantumato il socialismo in mille loghi…, in Europa cari “compagni”, in questo caso a Strasburgo, al contrario che da noi ci sono persone che ancora ragionano con serietà e logicità. Rispettosi della storia, rispettosi di tanti socialisti grandi ed anonimi, rispettosi di coloro che avevano la tessera del P.S.I. con orgoglio, rispettosi del Socialismo quello vero,  ed anche, nonostante i tempi, con principi e valori che, grazie a Dio, a quanto pare  ancora esistono. Sarebbe quindi l’ora di iniziare, qui da noi,  a fare i grandi ma soprattutto i seri ed i Socialisti, veri.

Lecce, 16 luglio 2004                                             

Anna Prato - Socio Fondatore Associazione Nazionale “Socialismo è Libertà

 

 Lettera 3

Compagni,Riprendiamoci il Partito, Riprendiamoci la Storia !

Dopo che Boselli e De Michelis hanno avviato la definitiva morte del socialismo Italiano, con operazioni più commerciali che politiche , di  tutti gli ideali del Socialismo Riformista in Italia , sembra che non ci sia più traccia di questa storia centenaria.

Ma non è così , perché i giovani ella Costituente Pse insieme con i compagni dell’Associazione Socialismo è Libertà intendono colmare , nella scena politica Nazionale, questo vuoto creatosi dopo la scomparsa del Psi. Riproporre un movimento di idee che riporti al centro della politica, proprio la politica, nel vero senso della parola. Oggi non si fa più politica, ma si assiste ad uno scontro tra due schieramenti ( guidati dai loro leader ) che rappresentano entrambi solamente alcuni interessi dei  poteri forti.

In questo contesto la rinascita di un Partito di Sinistra , moderno fuori dagli attuali schemi di questo sistema è veramente drammatica e  a scapito dei cittadini più deboli.

Quello che chiedo e lo chiedono tutti i nostri  compagni è che chiunque , in Italia si senta ancora Socialista , si metta al lavoro e collabori con noi per fare decollare un grande progetto, che dovrà sfociare nella nascita di un grande Partito Socialista.

A Sarzana, la mia città, la Costituente Pse e Socialismo è Libertà  stanno lavorando , ed è probabile che in occasione delle prossime elezioni comunali saremo riusciti  a creare una lista, che sia in grado di rappresentare tutti i socialisti.

Quindi un appello, un’esortazione che ci riporti agli arbori della nostra storia :

Socialisti di tutta Italia unitevi !Per il futuro dei nostri figli, per la memoria dei nostri padri, per i compagni morti nella prime lotte operaie, per i compagni Matteotti, Nenni, Pertini, Craxi che hanno fatto la nostra storia.

Compagni ! Riprendiamoci il Partito, riprendiamoci la Storia.!

Cristian Ferrari - Resp. Costituente Pse - SèL - Val di Magra Sarzana

 
 
 

 Domani Socialista                                 L'informazione della Sinistra Laico Socialista Riformista
  domanisocialista@libero.it                                                         www.domanisocialista.it