SOCIALISTI / SDI :RICAMBIO AI VERTICI

 Una nuova classe dirigente 
per superare l'auto-conservazione

da LibertÓ 

Ottaviano del Turco in questi giorni ha sollevato il problema del ricambio generazionale ai vertici dello SDI e numerosi giovani dirigenti dei Socialisti Democratici, aderenti alla Costituente Pse, hanno chiesto le dimissioni della classe dirigente attuale e la costituzione di una corrente nazionale interna allo Sdi " Per il Partito del Socialismo". Sono passati quindici anni dalla fine del Psi e i vertici dirigenti nazionali sono rimasti immutati nonostante i continui fallimenti politici ed elettorali, assumendosi la grave responsabilitÓ di aver fatto vivere una grande cultura , che tutt' oggi Ŕ protagonista della vita politica in tutti paesi Europei, a percentuali ingiustificabili. Purtroppo buona parte dell'attuale classe dirigente Ŕ vittima della rassegnazione o ancor peggio dell' autoconservazione. All'elaborazione politica, di cui il paese ha estrema necessitÓ, ha preferito alleanze elettorali, prive di significato politico, finalizzate esclusivamente al proprio mantenimento. Il personalismo non ha consentito ai socialisti di ottemperare al loro naturale ruolo politico: far maturare nella sinistra italiana la questione socialdemocratica, per superare l'anomalia italiana rispetto gli altri paesi europei, dove la sinistra d' ispirazione riformista trova rappresentanza nell'Internazionale Socialista e nel PSE. Il Personalismo Ŕ padre dei limiti, delle divisioni e dell'inconsistenza politica dei socialisti e solo con un rinnovamento delle classi dirigenti potrÓ essere superato. Pertanto la vecchia classe dirigente nazionale deve, da subito, prendere atto dei propri errori e fare un passo indietro nell'e interesse dei socialisti, della sinistra e del paese. Una nuova classe dirigente di giovani trentenni Ŕ pronta a porre fine alle interminabili lacerazioni dei socialisti e a farsi carico di assolvere al proprio naturale ruolo politico : divenire interlocutori della questione socialdemocratica nella sinistra italiana in alternativa a generici partiti democratici che tendono al moderatismo senza ideali e valori ben definiti. Ben venga , in questo senso, la richiesta di dimissioni della dirigenza dello Sdi e la costituzione della corrente nazionale "Per il Partito del Socialismo". Tutti i giovani dirigenti dello Sdi , aderenti alla Costituente nazionale PSE e non solo, si mobilitino in questo senso. Facciano lo stesso quelli nelle altre formazioni di area socialista.

 Daniele Delbene Presidente Nazionale Costituente Pse

>> Pagina precedente