HOME PAGE  

 

 



Formica: le 2 verità che Mattarella,
 e il Pd devono dire subito

Intervista a Rino Formica su Il Sussidiario.net 01-10-2019

“La situazione è drammatica, il doroteismo ha infettato tutti i partiti” dice Rino Formica, ex ministro socialista uscito di scena nel 1992 ma rimasto attento (e informatissimo) osservatore di cose politiche. Secondo Formica tocca a Mattarella fermare le pulsioni distruttive dei tre governi (in uno) che siedono contemporaneamente a Palazzo Chigi. Meglio se con un messaggio alle camere. L’unica salvezza per l’Italia, secondo Formica, è il programma di Ursula von Der Leyen.

Sul Corriere di ieri Mieli si dice soddisfatto perché l’integrazione – così la chiama – tra i due partiti al governo procede meglio del previsto.
Mi pare un esercizio di scarso interesse per l’opinione pubblica. Si continua a tacere la verità.

Quale verità?
Dal 1993-94 al 2011 abbiamo assistito a una democrazia dell’alternanza che ha funzionato grazie al meccanismo forzato delle leggi elettorali. Dal 2011 al 2018 invece la nostra democrazia fragile sperimenta solo governi di emergenza.


Per la verità, ciò che abbiamo sperimentato è piuttosto il commissariamento da parte dell’Unione Europea.
Dal 2013 al 2018 i governi avrebbero dovuto utilizzare la tregua offerta dal vincolo esterno per fare le riforme. Bisognava usare il tempo per riportare le forze politiche sul terreno della democrazia dell’alternanza e compiere quelle riforme costituzionali ed economiche richieste dalla situazione del paese.

E invece?
E invece le riforme o sono riuscite male, come nel caso del mostriciattolo della riforma costituzionale renziana, poi bocciata, o sono state sterilizzate da chi gestiva partiti diventati nomenclature, pessimi o per nulla interpreti degli umori sociali profondi. Il prezzo sociale che abbiamo pagato è stato altissimo, in termini di disoccupazione e blocchi salariali, e questo ha rafforzato i partiti populisti.

Siamo al voto del 2018 e poi alla fine del governo M5s-Lega. E oggi?
La lezione è che avere due governi ciechi e zoppi in uno, come era il governo gialloverde, è peggio dell’avere un governo solo cieco e zoppo. Ma quando cade il Conte 1, quello che nasce continua ad essere fondato sul cattivo principio dei due governi. È questo l’elemento di continuità. E c’è un’aggravante.

Quale sarebbe?
Quasi subito un terzo governo, quello di Renzi, è venuto ad aggiungersi agli altri due. Oltretutto è il governo di chi non ha nemmeno un voto nel paese.

E secondo lei dove porta questa situazione?
A un aumento di conflittualità all’interno dei tre governi. Altro che pacifico assorbimento di una forza in un’altra.

Non è ancora chiaro quale sarebbe la verità da spiegare agli italiani.
M5s e Pd dovrebbero dire: questi anni sono stati anni di vagabondaggio politico, anche e soprattutto per colpa nostra. Andiamo al governo, ma non siamo in condizioni di poter riparare oggi e forse per anni ciò che il nostro malgoverno ha prodotto nel sistema e nelle regole di vita sociali ed economiche. Questo dovrebbero dire. Solo così la sinistra, che ha governato dal 2013 al 2018, potrebbe superare... [CONTINUA CLICCA QUI]

 
 

Clicca sotto su "aggiungi un commento"

 

 
 

 

META name="keywords" content="delbene, daniele delbene, daniele del bene, partito socialista, pse, socialisti">